PASQUALE STOPPELLI
Dante e la paternità del Fiore
 
I tuoi acquisti
Non ci sono libri in acquisto  
 
Rassegna stampa relativa al volume

03/01/2012 - Indice dei Libri del mese
Leggi l'articolo >>

 

07/04/2011 - Avvenire
Leggi l'articolo >>

 

07/04/2011 - Libero
Leggi l'articolo >>

 
Tutta la rassegna stampa dell'opera>>

Registrati per ricevere la Newsletter
Offerte

DE BATINES PAUL COLOMB
Bibliografia dantesca ossia Catalogo delle edizioni, traduzioni, codici manoscritti e comenti della ‘Divina Commedia’ e delle opere minori di Dante, seguito dalla serie de’ biografi di lui...

AA.VV.
Censimento dei Commenti danteschi. 3. Le «Lecturae Dantis» e le edizioni delle Opere di Dante dal 1472 al 2000

AA.VV.
Chiose Palatine (Ms. Pal. 313 della Biblioteca Nazionale di Firenze)


Tutti i libri in offerta >>

L'autore. Pasquale Stoppelli insegna Filologia della letteratura italiana presso l’Università “Sapienza” di Roma. Per la Salerno Editrice ha pubblicato Machiavelli e la novella di Belfagor. Saggio di filologia attributiva (2007).



Quaderni della “Rivista di Studi Danteschi - 6, pp. 144
aprile 2011
Soggetto
Filologia classica, medievale e umanistica. Saggi
Dante Alighieri. Studi e saggi
ISBN. 978-88-8402-724-5

€ 14,00 . € 11,20
 

L'opera. Nella storia di tutte le letterature del mondo, di età antica o moderna, non esiste altra opera anonima a cui, a pari del Fiore, la critica filologica abbia attribuito tanti possibili autori. Questo testo in 232 sonetti che traspone in volgare toscano il Roman de la Rose, è stato riconosciuto di volta in volta a Brunetto Latini, Rustico Filippi, Cecco Angiolieri, Folgóre da San Gimignano, Antonio Pucci e altri. Ma è soprattutto Dante che ha calamitato l’attenzione dei filologi come più probabile autore del Fiore, anche perché la tesi della paternità dantesca è stata sostenuta con convinzione dal maggior filologo italiano della seconda metà del Novecento, Gianfranco Contini. La mira principale di questo lavoro, condotto con i più raffinati strumenti della ricerca filologica, è di dissociare definitivamente Dante dal testo del Fiore. La proposta di un altro rimatore con titoli più solidi ad accollarsene la paternità, le osservazioni critiche sulla lezione del testo vulgato e l’invito a riconsiderare l’effettiva paternità di alcune rime oggi unanimemente riconosciute all’autore della Commedia sono risultati accessori di rilievo, ma tutto sommato secondari rispetto alla finalità di liberare uno dei più grandi poeti della storia dell’umanità del peso di un’opera che attribuita a un autore di secondo piano può risultare anche interessante, ma guardata dall’altezza di Dante risulta irrimediabilmente inadeguata.

 

   

Università Contatti Uffici operativi