AA.VV.
Dante poeta e italiano «legato con amore in un volume». Manoscritti e antiche stampe della Raccolta di Livio Ambrogio. Catalogo della Mostra di Roma, Palazzo Incontro, 21 giugno-31 luglio 2011
 
I tuoi acquisti
Non ci sono libri in acquisto  
 
Rassegna stampa relativa al volume

01/10/2011 - Gazzetta di Parma
Leggi l'articolo >>

 

29/09/2011 - Giornale di Brescia
Leggi l'articolo >>

 

27/09/2011 - Sicilia
Leggi l'articolo >>

 
Tutta la rassegna stampa dell'opera>>

Registrati per ricevere la Newsletter
Offerte

Dante Alighieri
De Vulgari Eloquentia

Vincenzio Buonanni
Discorso sopra la prima cantica della ‘Commedia’

AA.VV.
Lectura Dantis Romana, Cento canti per cento anni, voll. I-III


Tutti i libri in offerta >>



Curatore: a cura di LIVIO AMBROGIO, CHIARA CONCINA, ENRICO MALATO, ANDREA MAZZUCCHI


Opere fuori collana - , Un vol. di pp. 352, di cui 126 di tavole a colori
giugno 2011
Soggetto
Arte. Testi
Filologia classica, medievale e umanistica. Saggi
ISBN. 978-88-8402-733-7

€ 38,00 . € 30,40
 

L'opera. Catalogo della Mostra aperta al pubblico dal 21 giugno al 31 luglio 2011 presso Palazzo Incontro - nel cuore della Capitale, in via dei Prefetti 22.
La Mostra DANTE POETA E ITALIANO «legato con amore in un volume» espone manoscritti, antiche stampe, volumi illustrati, quadri e sculture provenienti dalla collezione privata dell’imprenditore torinese, appassionato dantista, Livio Ambrogio.
Promossa dalla PROVINCIA DI ROMA - Progetto ABC, la mostra, ideata dalla CASA DI DANTE in Roma e dal CENTRO PIO RAJNA - Centro di studi per la ricerca letteraria, linguistica e filologica, è stata organizzata in collaborazione con CIVITA e con la Libreria antiquaria PHILOBIBLON. Il Catalogo è pubblicato dalla SALERNO EDITRICE.

Frutto di trent’anni di passione per i libri e i cimeli danteschi, la collezione spazia su ben sette secoli di tradizione, manoscritta e a stampa, delle opere di Dante Alighieri e, formata da più di mille volumi, costituisce oggi la raccolta dantesca più vasta e importante di proprietà di un collezionista privato.

La collezione accoglie una significativa campionatura della tradizione manoscritta, rappresentata da una serie di codici e frammenti della Commedia, membranacei e cartacei, risalenti al XIV e al XV secolo.

Sono inoltre presenti tredici edizioni incunabole tra le quali – oltre al Lattanzio impresso a Roma dai prototipografi Sweynheim e Pannartz nel 1468, che contiene la prima citazione tratta dalla Commedia mai apparsa in un testo a stampa – figurano la rarissima princeps del poema stampata a Foligno da Johann Neumeister nel 1472 e l’ancor più rara seconda edizione, impressa a Mantova sempre nel 1472.

Seguono – per ricordare le più importanti – la stampa veneziana uscita dai torchi di Vindelino da Spira nel 1477 in un esemplare annotato dal letterato e accademico fiorentino Vincenzo Buonanni, quella milanese del 1478, il Dante fiorentino di Lorenzo della Magna del 1481, con il commento di Cristoforo Landino, quelle, sempre veneziane, di Ottaviano Scoto del 1484, di Bernardino Benali e Matteo Capocasa del 1491, di Pietro Piasi sempre del 1491, di Pietro Quarenghi del 1497. Tra gli incunaboli va infine ricordata anche la prima edizione del Convivio impressa a Firenze da Francesco Bonaccorsi nel 1490.

La Raccolta include inoltre tutte le edizioni della Commedia stampate durante il XVI secolo, a partire dal celebre volumetto in-8° piccolo della Divina Commedia del 1502 stampato da Aldo Manuzio per le cure di Pietro Bembo, con il titolo Le terze rime di Dante, e dalla sua coeva contraffazione lionese risalente al 1502-1503 circa. Si passa poi alla seconda edizione del poema stampata dallo stesso Aldo nel 1515 e al Dante col sito e forma dell’Inferno impresso a Venezia da Paganino Paganini intorno al 1515: presente in un esemplare d’eccezione, trattandosi dell’unica copia conosciuta impressa su pergamena.

Tra le altre edizioni è presente anche quella importantissima pubblicata dall’Accademia della Crusca nel 1595, la prima con varianti testuali, in un prezioso esemplare con dedica della stessa Accademia a Bastiano de’ Rossi.

Oltre alle sole tre edizioni stampate nel corso del Seicento, sono presenti le stampe più importanti e pregevoli del Settecento e dell’Ottocento, tra le quali vanno ricordate quella uscita dai torchi veneziani di Antonio Zatta tra il 1757 e il 1758 – in una straordinaria copia su carta azzurra e un’altra con le tavole tirate a più colori –, quella di Bodoni del 1795, per giungere, passando attraverso una significativa serie di volumi del XIX secolo, alla Commedia illustrata da John Flaxman, a quella contenente i disegni di Gustavo Doré, ai capolavori tipografici prodotti dalla Stamperia di Tallone.

Tra le testimonianze più recenti, che attestano l’ intramontabile fortuna e l’attualità sempre viva del capolavoro dantesco, si ricordano inoltre il manoscritto autografo del saggio La última sonrisa de Beatriz del celebre scrittore e poeta argentino Jorge Luis Borges, risalente al 1948 ca., poi incluso nel volume Nove saggi danteschi del 1982, e l’autografo – seguito dalla relativa edizione a stampa – della Lettera a Dante di Roberto Benigni del 2007.

L’esposizione è completata da una serie di quadri, sculture, cimeli vari e manifesti antichi dedicati al grande poeta fiorentino.

 

   

Università Contatti Uffici operativi