Fabio Nicolucci
Sinistra e Israele. La frontiera morale dell'Occidente
 
I tuoi acquisti
Non ci sono libri in acquisto  
 
Rassegna stampa relativa al volume

03/08/2017 - Borghese
Leggi l'articolo >>

 

03/10/2014 - Mattino
Leggi l'articolo >>

 

29/06/2014 - Unità
Leggi l'articolo >>

 
Tutta la rassegna stampa dell'opera>>

Registrati per ricevere la Newsletter
Offerte

AA.VV.
Censimento dei Commenti danteschi. 3. Le «Lecturae Dantis» e le edizioni delle Opere di Dante dal 1472 al 2000

CHIROMONO MATTEO
Chiose alla 'Commedia'

AA.VV.
Per beneficio e concordia di studio. Studi danteschi offerti a Enrico Malato per i suoi ottant'anni


Tutti i libri in offerta >>

L'autore. Fabio Nicolucci, analista strategico, esperto di relazioni internazionali, politica e sicurezza del Medio oriente, è editorialista de «il Messaggero» e «il Mattino». Consulente di istituzioni pubbliche e private, è autore di diverse monografie tra cui I giochi di potere e le nuove alleanze nel Mediterraneo (Bologna 2010).


ENGLISH VERSION IN PDF:

Aculei - 15, pp. 284 - disponibile anche in ebook
novembre 2013
Soggetto
Storia contemporanea. Ricerca storica
Filosofia, pensiero politico, religione. Saggistica storica e critica
ISBN. 978-88-8402-877-8

€ 12,90
 

Ebook:

 
€ 9,99

 


€ 9,99

 


L'opera. “Sinistra” e “Israele”: due termini che oggi sembrano cosí distanti per la nostra cultura politica di europei e italiani da costituire quasi un ossimoro. Il loro rapporto è faticoso e pieno di incomprensioni, alimentate da luoghi comuni e pregiudizi. Il miglior combustibile per far divampare polemiche e rancori. Nessuno ricorda che il padre del socialismo “scientifico”, Carlo Marx, era ebreo, che molti rivoluzionari russi erano ebrei. La tradizione giudaica è parte costitutiva della nostra cultura, soprattutto di quella della sinistra, e delle nostre città da duemila anni. Sentinella di un occidente contro l’oriente per la destra, ponte tra occidente e oriente per la sinistra. Fabio Nicolucci, in questo suo nuovo lavoro, sostiene che Israele è l’occidente dell’occidente e non è possibile negare l’identità comune. In particolar modo l’autore si sofferma sul rapporto di Israele e della sinistra con l’occidente: per Israele, con un inedito in Italia (per fonti e ricchezza) studio dei rapporti tra neoconservatori usa e israeliani; per la sinistra, con una non diplomatica analisi dei suoi vizi, dei problemi e dei rapporti con Israele, e infine della via da seguire per ritrovare una sua capacità di ricollocarsi nel nuovo mondo, quello del post 11 settembre.

 

   

Università Contatti Uffici operativi