AGNOLO DI COSIMO (IL BRONZINO)
I Salterelli dell'Abbrucia sopra i Mattacini di ser Fedocco
 
I tuoi acquisti
Non ci sono libri in acquisto  
 
Registrati per ricevere la Newsletter
Offerte

Franca Giansoldati
La marcia senza ritorno. Il genocidio armeno

IACOMO DELLA LANA
Commento alla ‘Commedia’

AA.VV.
Chiose Palatine (Ms. Pal. 313 della Biblioteca Nazionale di Firenze)


Tutti i libri in offerta >>



Curatore: a cura di Carla Rossi Bellotto


Documenti di poesia - V, pp. 144

Soggetto
Letteratura italiana I. Dalle origini al Settecento. Testi
Arte. Testi
ISBN. 978-88-8402-237-0

€ 14,00
 

L'opera. A Firenze, nel Cinquecento, l’interesse di pittori, scultori e architetti per la poesia è più vivo che altrove, e si traduce in una produzione poetica tanto ampia quanto ancora poco studiata dalla critica. Se si eccettuano, infatti, Michelangelo e Benvenuto Cellini, le opere letterarie e memorialistiche di artisti quali gli scultori Vincenzo Danti, Baccio Bandinelli, Bartolomeo Ammannati, i pittori Francesco Lancillotti e Agnolo di Cosimo, detto il Bronzino (1503-1563), ed altri, restano ancora in gran parte da affrontare (in questo “filone” d’interesse si colloca il fac-simile, con commentario, del Diario di Jacopo da Pontormo (1496-1556), che del Bronzino fu il maestro, pubblicato dalla Salerno Editrice nel 1996). Di sicuro rilievo appare allora la presente edizione critica e commentata dei Salterelli dell’Abbrucia sopra i Mattaccini di Ser Fedocco, undici sonetti caudati scritti in gergo jonadattico, composti dal Bronzino tra l’ottobre 1560 e il gennaio 1561, e già compresi – ma senza l’ausilio di un adeguato commento – nel corpus delle Rime in burla del Bronzino pittore curata da Franca Petrucci Nardelli nel 1988. L’obiettivo è quello di offrire un contributo per un’indagine filologicamente, letterariamente e storicamente più approfondita intorno all’opera del pittore-poeta; a tale scopo, l’introduzione provvede innanzitutto a collocare i Salterelli all’interno di un contesto sociale e culturale nel quale videro la luce; procede poi all’esegesi della singolare collana, proponendo a piè pagina la parafrasi di ogni componimento; commenta infine con ampiezza e puntualità i sonetti, nel tentativo di penetrarne la difficile e spesso oscura veste linguistica. Nati in margine a una feroce polemica sorta tra Annibal Caro e Lodovivo Castelvetro a proposito della canzone del Caro Venite all’ombra dei gran gigli d’oro, che infiammò per un intero ventennio i letterati italiani intorno alla questione del primato toscano nella lingua e nella letteratura d’Italia, questi sonetti documentano la maestria di un pittore tra i massimi del Rinascimento, che seppe essere anche poeta burlesco di notevole raffinatezza.

 

   

Università Contatti Uffici operativi