ALIGHIERI DANTE
Codice Filippino della 'Commedia' di Dante Alighieri
 
I tuoi acquisti
Non ci sono libri in acquisto  
 
Registrati per ricevere la Newsletter
Offerte

AA.VV.
Per beneficio e concordia di studio. Studi danteschi offerti a Enrico Malato per i suoi ottant'anni

Attilio Ferrari, Donato Pirovano
Dante e le stelle

IACOMO DELLA LANA
Commento alla ‘Commedia’


Tutti i libri in offerta >>



Curatore: Andrea Mazzucchi


Edizione Nazionale dei Commenti danteschi - I commenti figurati - 1, Un volume di cm. 30 x 20, di carte I-II-239-II (=pp. 2+4+478+4) rilegato in piena tela con sovraccoperta a colori, in custosdia; + 2 volumi di Commentario

Soggetto
Arte. Testi
Dante Alighieri. Testi
ISBN. 978-88-8402-360-5
Richiedi info

L'opera. Edizione facsimilare del ms CF 2 16, già 4 20, della Biblioteca Oratoriana dei Girolamini di Napoli, contenente il testo della Divina Commedia, con ampio corredo di illustrazioni.
Il manoscritto CF 2 16, noto come "Codice Filippino" dal nome della Biblioteca che lo possiede (la Biblioteca Oratoria dei Girolamini è anche detta dei Filippini, da S. Filippo Neri, fondatore dell’ordine) è il più importante codice della tradizione manoscritta meridionale della Commedia. Illustrato e descritto per la prima volta nel 1865, dall’allora direttore dell’Oratoriana, Errico Mandarini, fu suggerita una datazione intorno al 1350, con attribuzione a un napoletano, forse della famiglia Poderco o Polderico, il cui stemma compare nella parte inferiore del fregio che incornicia la prima pagina del codice.
Sulla base dell’analisi paleografica, è possibile ipotizzare che il codice fu confezionato come oggetto di lusso, probabilmente a Napoli, da un copista toscano intorno alla metà del Trecento.
Il pregio del manoscritto, oltre che nella sua antichità, nell’eleganza della confezione, è nel fitto corredo di chiose - dovute a più mani e poste in modo disordinato nei margini e nell’interlinea - e nelle 146 miniature, artisticamente pregevoli, che accompagnano il testo e ne offrono una sorta di interpretazione figurativa che è tanto più interessante in quanto è tra le più antiche.
L’edizione è intergrata da 2 volumi, curati da Andrea Mazzucchi, che offrono una trascrizione integrale del testo dantesco e di tutte le chiose interpretative che lo accompagnano (Le Chiose filippine), con ampia introduzione, note e indici, cui seguono due saggi di Alessandra Perriccioli Saggese e Giancarlo Savino che illustrano puntualmente ogni aspetto (codicologico, paleografico, storico-artistico) del manoscritto.

 

   

Università Contatti Uffici operativi