Dioscurides neapolitanus
 
I tuoi acquisti
Non ci sono libri in acquisto  
 
Registrati per ricevere la Newsletter
Offerte

Manlio Pastore Stocchi
Il lume d’esta stella. Ricerche dantesche

Attilio Ferrari, Donato Pirovano
Dante e le stelle

AA.VV.
Lectura Dantis Romana, Cento canti per cento anni, voll. I-III


Tutti i libri in offerta >>



Curatore: Sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica


Fac-simili - , Un vol. di fac-simile di cm. 29,5 x 25, 172 ff. (=344 pp.), rileg. in pieno cuoio conforme all'originale

Soggetto
Arte. Testi
ISBN. 978-88-8402-012-3
Richiedi info

L'opera. Edizione integrale in fac simile del codice Ex Vindobonensis Graecus 1.
Il prezioso codice, conosciuto come Dioscurides Neapolitanus, ci testimonia l'opera di Pedanio Dioscoride, medico greco nato ad Anazarba presso Tarso in Cilicia e vissuto nel I sec. d.C. Egli, al tempo di Nerone, scrisse il trattato, Perì üles iatrichès, in cinque libri, considerato il più importante manuale di medicina e di farmacia di tutto il mondo greco romano e, nel medioevo, tenuto nella massima considerazione sia in occidente che tra gli arabi.
In esso si parla dell'efficacia terapeutica delle sostanze naturali animali, vegetali e minerali.
Il codice della Biblioteca Nazionale di Napoli ci tramanda il solo “erbario” in 170 fogli con 403 splendide miniature raffiguranti le piante medicinali conosciute, accompagnate da un commento scritto per la descrizione della singola pianta, dell'habitat, dell'utilizzo terapeutico.
Fortemente legato al Dioscurides Costantinopolitanus di Vienna, probabilmente quale derivato di un medesimo archetipo, non riporta figure antropomorfe e zoomorfe, come il codice viennese ed altri dioscoridei, quali il Chigiano e il Parigino.
La vivacità delle illustrazioni, l'impostazione delle pagine, che sono impreziosite da un ricco commento, l'alta antichità, ne fanno un testimone fondamentale della cultura medica greco-romana e della sua accoglienza nel mondo bizantino-italiota tra la fine del VI e gli inizi del VII secolo, riflettendo il gusto di un'epoca, che al trattato prettamente scientifico preferisce un testo più didascalico e manualistico.
In effetti, sembra non possa esser messa in dubbio la sua origine italiana, anche se alcuni studiosi propendono per l'esarcato di Ravenna ed altri per il Mezzogiorno, in ambiente vicino a Cassiodoro.
Un volume di fac-simile di 295x250 mm., 172 ff. (=344 pp.), rilegatura in pieno cuoio conforme all'originale + 1 volume di Commentario Commentario di 148 pp. + 20 tavole f.t. Tiratura di 480 esemplari numerati.

 

   

Università Contatti Uffici operativi